2015/2016: impegno, coesione e 6° posto

La stagione presentava la consueta serie di difficoltà organizzative, logistiche e finanziarie, ma la Società e la squadra rispondevano presente anche dopo il durissimo colpo arrivato nelle ultime ore di calciomercato, con il saluto di Silvestri Federico (probabilmenteil più forte giocatore della Serie D e di diverse categorie superiori) per il suo ritorno al calcio a 11.

La straordinaria energia dei veterani veniva integrata dal grande contributo calcistico e comportamentale dei nuovi acquisti Loguercio Antonio, Petralia Francesco e Ruta Franzo, subito in sintonia con lo spirito Real.

Tornata a giocare nella propria casa nel C5, il Pro Roma, la squadra era inserita in un girone ad alto coefficiente di difficoltà agonistico e tecnico, ma, tranne che in un paio di amnesie collettive, era brava nell'ottenere il massimo nelle partite con avversari al proprio livello, e di tenere sempre il campo con energia, carattere e impegno, ottenendo un 6° posto finale forse, profondamente significativo.

Nell'ultima giornata poi il popolo Real aveva la possibilità di ringraziare con striscione, fumogeni, e standing ovation il capitano di mille e più battaglie, e uno dei trascinatori del gruppo, Emilianino Silvestri, chiamato da una cicogna gemellare ad impegni ben più complicati, ma sempre pronto anche negli anni successivi, magari a mezzo servizio, a tornare in campo con il Real per battagliare su ogni campo con la sua numero 7.

La stagione agosnistica, chiusa a fine luglio con un secondo posto nel Torneo Euro 2016 con l'ormai immancabile Perù, dava dunque nuova verve alla squadra, e alle aspettative sportive di un gruppo di amici, vecchi, nuovi, veterani o esordienti uniti dal Real.